L’ennesima strage italiana

Il filo della memoria corre veloce a quei giorni di primavera  resi cupi dal tritolo e di cui tra poco ricorre il ventennale: la strage di Capaci. La scuola di Brindisi, teatro della tragedia, porta il nome di Francesca Morvillo e del giudice Giovanni Falcone, rimasti uccisi il 23 maggio 1992, insieme agli uomini della scorta. Alle 16  della giornata di ieri era prevista la manifestazione, “Carovana antimafia” per dire no alla violenza e alla criminalità. Chi ha deciso di macchiarsi di questo terribile delitto ha tenuto conto di queste ‘coincidenze’… Ed è casuale che questa tragedia sia accaduta mentre il Paese si dibatte nella crisi economica più grave del Dopoguerra e una forte contestazione mette a repentaglio la sopravvivenza degli stessi partiti?

Gli inquirenti stanno vagliando diverse ipotesi sui mandanti dell’attentato in cui è rimasta vittima la sedicenne Melissa Bassi e risultano gravemente ferite diverse studentesse, tra cui Veronica Capodieci.

Tutti, inquirenti e politici, sembrano ripetere lo stesso copione, che dietro questo attentato non ci può essere la mafia. Sono troppi gli interrogativi di questa tragedia che si profila come l’ennesima strage italiana senza colpevoli e senza mandanti.

È stata la mafia? Si vocifera che non sia il tipico ‘modus operandi’ della Sacra Corona Unita, che la mafia non uccide così, che non colpisce i bambini, anche se qualche piccola vittima è stata sciolta nell’acido.  È eversione? Sono schegge impazzite? Pezzi deviati dello Stato, che da anni hanno stretto alleanze con le grandi organizzazioni criminali? Oppure, ultima delle ipotesi al vaglio degli inquirinti,  il gesto di un pazzo isolato,  alla stregua degli attentati di Oslo…

Al di là della inaudita vigliaccheria di colpire inermi studenti, si prova ribrezzo a sentire le dichiarazioni delle autorità che sputano sentenze a un giorno della carneficina, un altro brandello di storia italiana dai moltissimi dubbi e  da un’unica certezza: la morte di una ragazzina che stava andando a scuola.

Annunci

3 thoughts on “L’ennesima strage italiana

  1. la speranza di un mondo migliore purtroppo è molto effimera, e
    la nostra realtà politica e istituzionali è senza certezza
    dove andiamo?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...