Ologrammi

Ologramma faccia
Ologrammi

Tutti morti. Sono tutti morti. Più morti dei trapassati i cui resti riposano nel cimitero oppure sono sparpagliati chissà dove…

Più morti di quel piccolo profugo rinvenuto nella spiaggia turca di Bodrum, che al meno riesce a smuovere le coscienze, di tutti quelli che una coscienza ce l’hanno ancora. O che fanno finta di averne una ma nei momenti in cui serve si volatilizzano…

Aylan Kurdi
Aylan Kurdi

Morti viventi che ti scrutano, seduti davanti a una scrivania piena zeppa di inutili scartoffie di una fottuta filiale di una rinomata banca di “primaria importanza”, che si pregia nella sua mission di essere al servizio dei “piccoli imprenditori”, proprio come te.

Individui che spulciano davanti a te la tua dichiarazione dei redditi e del tuo bilancio semestrale, chiedendoti dettagli su quello che fai o quello che non fai per campare. Facendo proiezioni e simulazioni dopo simulazioni, un esserino ingobbito barricato dietro a un terminale… Neanche se tu avessi chiesto soldi per ricostruire le torre gemelle…

Parli il meno possibile perché lasci parlare i numeri passati e in divenire. Snoccioli qualche dato sul tuo business. Ti occupi di consulenza e formazione nel campo del marketing e della comunicazione digitale. L’impiegato strabuzza gli occhi quando pronunci la parola e-learning. Gli spieghi che si tratta di formazione erogata a distanza…

In un Paese in avanzato stato di decomposizione, a chi può fregare un’attività proiettata al futuro imperniata sul digitale, nel momento in cui bussi alla porta per chiedere quello che in ligure si chiamano “palanche”.

“Ma qui ci vuole la garanzia del reddito fisso del pensionato”, esordisce l’impiegato dalla giacca infeltrita, con un guizzo di inaspettata vitalità. “Meglio se non troppo in là con gli anni, ovviamente, non si sa mai…”

Di quello che fai, delle tue garanzie concrete, anche ipotecarie, non gliene frega un cazzo a nessuno. E quando dici nessuno, dici proprio nessuno.

La ragione è molte semplice.

Perché tu sei vivo, mentre gli altri sono morti, finiti, finti e marci, come questo “sistema Paese” che si ciba di chi produce, di chi vuole mettersi in discussione e di chi ha iniziativa e la vuole portare avanti. Comunque.

Di persone, come te, che non hanno paura di parlare, di tacere e di dire le cose in faccia quando occorre. Con un obiettivo concreto in testa, nonostante i paletti, le diffidenze, le remore, le paure di tutti quei morti dal freddo a Ferragosto con cui hai a che fare e che hanno lo spessore pari a quello di un ologramma.

Inconsistenti, inesistenti, insignificanti, che non meritano un briciolo della tua attenzione e del tuo tempo.

Annunci

A.A.A. Sfiga Cercasi

AAA Sfiga Cercasi
Legge di Murphy

Alcune persone dedicano molte delle loro energie a lagnarsi: del governo ladro che aumenta le tasse, della burocrazia elefantiaca e surreale della P.A, delle associazioni  di cui fanno parte.

Sempre, a qualunque titolo.
In questo modo, mi sembra che non facciano altro che attirarsi la sfiga e non solo perché lo prevede la legge di Murphy.

A che pro? Trovo snervante cercare di concentrarsi sempre sul pezzo mancante o quello che non va come idealmente dovrebbe andare, vuoi per dovere, per logica o per semplice buon senso.

Ormai dovrebbe essere chiaro a tutti che si rema in un mare in burrasca e che la tempesta non riguarda solo l’Italia, il cui rating del debito sovrano si attesta sempre a BBB+ ma con outlook negativo.
E che le prospettive dal punto di vista della società civile sono pessime, come risulta dai dati che l’amico Roberto Marsicano si è preso la briga di pubblicare sul su blog, nell’articolo La foto dell’ignoranza.

Il mondo è cambiato e cambierà ancora. E non solo per la crisi ma per un insieme di fattori che le classi dirigenti italiche sembrano escludere totalmente dal dibattito, impantanate come sono nella melma vacua del chiacchiericcio da mercato elettorale permanente.
Stiamo osservando allo sfacelo di un mondo sempre più ineguale. Delle conseguenze per il nostro futuro ne parla il premio Nobel Joseph Stiglitz nel suo ultimo capolavoro Il prezzo della disuguaglianza.

Questa è la diagnosi, ma la cura, semmai esista una è cercare di surfare l’onda di questa infinita recessione a cui dovremo abituarci, che ci costringe a trovare nuove vie, metaforicamente a “fare muta” nello stile di vita e nel lavoro.
Diventare resilenti, per andare avanti. ‘Aprender a emprender’, ovvero imparare a intraprendere, come dicono quelli di UniMOOC Aemprende

La posta in gioco è solo una. La sopravvivenza.

The Final Countdown

Fine Anno, tempo di bilanci. La profezia dei Maya s’è avverata. È arrivata la fine del mondo. Il problema è che nessuno se n’è accorto.

Alcuni brontosauri che sembravano essere scomparsi dal teatrino politico tornano alla ribalta in vista delle prossime elezioni.  O meglio, sono sempre stati dietro le quinte a mercanteggiare il loro malleabile sostegno per poltrone e poltroncine e riempirsi la bocca di parole che sono sistematicamente calpestate dalle loro azioni pubbliche e private. Parole che sono diventate un miraggio: democrazia, equità, lavoro.

Ci sarà un ennesimo Uomo della Provvidenza, che cercherà di rimettere insieme i cocci di un Paese ormai incancrenito e disintegrato, liquefattosi in una melma maleodorante che ingoia ogni speranza.  Dopo la stagione del nano dai capelli incatramati, spodestato dalla UE, è stato il turno del proconsole delle banche e dei poteri forti, gradito all’Europa. E il prossimo Premier sarà? Di uomini validi e coraggiosi non se ne vedono all’orizzonte.

Il governo è caduto, le consultazioni sono in corso. Ma Napolitano, che dalla sua comoda poltrona d’oro super partes, tira le fila del carrozzone, non assegnerà un nuovo incarico al Grande Mazinga, l’unico eroe i cui super poteri sarebbero in grado di salvare la morente Italia.

Buona fine del mondo a tutti.