Partita doppia

Certe persone funzionano come la partita doppia, con una mano ti danno e con l’altra si prendono tutto quello che ti hanno dato, con la differenza che il saldo non è mai a zero, perché non si accontentano e vanno oltre rubandoti la fiducia che hai depositato in loro.

In queste occasioni bisogna dimenticare come ti senti e ricordare cosa ti meriti.

image

Palloni (s)gonfiati

pallone sgo

Il grande Pelè ha detto che non c’è niente di più triste che un pallone sgonfio.

Nella partita della vita, io credo che i palloni sgonfi si possono sempre gonfiare, a meno che non siano irreparabilmente bucati.

Lo stesso non si può dire dei palloni gonfiati che trovi in giro, spesso molto lesti a predicare bene e a razzolare male…

La grande tetta

Woody Allen_Tetta
“La grande tetta”

Ho letto da qualche parte che le famiglie dovrebbe dare radici e ali ai suoi membri più piccoli.

Invece, molto spesso, non sono altro che combriccole fondate sulla prevaricazione e l’interesse (o l’interessamento, il che è lo stesso).

Tale e quale alla politica, d’altronde, di cui House of Cards costituisce la sua più emblematica e dissacrante rappresentazione. Funziona proprio così!

Già negli anni ’30, Cambalache, uno dei capolavori del tango argentino scritto da Enrique Santos Discépolo, non a caso di origine italiana :-), recitava:

“El que no llora no mama y el que no afana es un gil”
“Chi non piange, non poppa e chi non ruba è un fesso”

Un pensiero che non fa parte del tuo DNA e perciò rientri automaticamente appieno nella categoria dei “fessi”.

Invece, purtroppo, la storia dei popoli, come quella delle famiglie, è scritta da chi si impunta e da chi “piange” pubblicamente per rivendicare un qualcosa: da un vestito a una casa (o brandello di casa).

Conosco persone che a 10 anni hanno pianto per un paio di scarpe da tennis davanti alle “alte sfere”, con la conseguenza che a 15 anni hanno smesso di studiare per andare a lavorare perché si sono rotte di “piangere” per stronzate.

Altre, invece, non hanno bisogno di “piangere” perché tanto c’è sempre una tetta pronta a schizzare latte anche se hanno 20, 30 e passa anni ma mentalmente sono degli eterni quindicenni.

Ci sono poi persone che se ne fottono con una leggerezza disarmante da essere quasi commoventi perché sono talmente cieche da non vedere oltre al loro ombelico e sorde da sentire solo i loro pensieri (per non dire pensierini). In fondo, credono fermamente di essere un cliente Mediolanum nella pubblicità di Ennio Doris. Te la ricordi? 🙂

Mediolanum Doris
Persone Mediolanum

Poi ci sono le Terese di Calcutta, le persone più pericolose, che si prendono sul loro groppone il problema della fame del mondo, ma al momento più opportuno sono sempre pronte a scaricarti una vagonata di merda addosso, perché in fin dei conti sono delle sante da venerare, mentre tu sei una piccola, insignificante pagana, che si sforza di non pestare i calli a nessuno, magari pure ubbidiente, ma con il brutto, bruttissimo, vizio di dire quello che pensa. Ad alta voce e pure sul web.

Quei maestrini esemplari

maestro
Quei maestrini esemplari

Il mondo pullula di “maestri”, sempre pronti a mettere i puntini sulle tue i, anche quando i puntini sono grandi come grattacieli, a propinarti soluzioni precotte, ramanzine dall’altezza vertiginosa della loro spocchia. Ovviamente, quando ormai la frittata è bella pronta sul tavolo e il lavoro “sporco”, te lo sei sbrigato da solo soletto. E’ ovvio!

Sempre pronti a puntualizzare i tuoi interventi e a giustificare, per non dire mascherare puntualmente, le loro reali inadempienze.

A tutti quei maestrini di vita che condiscono di gioia la tua (misera, a detta loro) esistenza, un meritatissimo: “vai a rosolarti, piano, piano, a quel paese!”

La bella addormentata su Marte

La bella addormentata
La bella addormentata su Marte

Ci sono persone che sembrano essersi perse per strada, per non dire addormentate per anni e anni della loro vita. Come se una parte di loro fosse andata in vacanza su Marte e sulla Terra un loro clone avesse vissuto una ‘vita parallela’…

Marte e la terra
E, tutt’a un tratto, molto spesso dovuto a uno scossone per un evento traumatico, si (ri)svegliano dal loro torpore e realizzano fino in fondo che, nel frattempo molti peli sono caduti sull’uovo, che il mondo è andato avanti (Siii, anche senza di loro!), che molte cose nella loro vita personale e in quella di chi le sta attorno, non funzionano.

Di ragioni, giustificazioni o addirittura (falsi?) problemi ce ne sono a bizzeffe: lo strazio di lavoro che non paga e non appaga quasi mai; la famiglia che molto spesso è diventata una sorta di associazione a delinquere di stampo mafioso; il governo pro tempore, a cui tocca, a ragione, sempre la parte del cattivo di turno; la malcapitata signorina Routine, colpevole di tante crisi matrimoniali, se non addirittura extraconiugali; quel sentimento di inadeguatezza ‘alla Calimero’, così diffuso tra le persone, perché è sempre più facile piangersi addosso e sentirsi vittima di una congiura siderale che prendere le redini del comando della propria (fottuta) vita, non dell’universo…

Ci vuole una buona dose di coraggio, pragmatismo e pazienza, merci che scarseggiano molto più che il denaro in questo magnifico Paese.

Bilancini di fine anno

Bilancio pietre
Bilancini di fine anno

Fine anno, tempo di bilanci e non solo contabili. Cosa mi voglio portare nel 2015?

Ho capito che la paura è un inutile spreco di energia in grado di paralizzarti. E che mi sono rotta di pazientare e di avere paura o riguardi reverenziali verso chi non lo merita. Opportunisti pro tempore e clienti morosi inclusi.

Ho capito che questo Paese può essere in grado di tirare fuori il meglio o il peggio di te stesso, cosa non da poco. Ma che sta a te (e solo a te) scegliere da che parte stare. E sopratutto affrontare le conseguenze di quello che avrai scelto.

Ho capito sulla mia pelle che il dolore è inevitabile, ma la sofferenza è opzionale, perché ti fa scoprire forte, molto più forte di quanto lo credevi. E che questo può dare fastidio, molto fastidio, alle persone meschine, narcise e insignificanti che ti stanno attorno.

Auguri di buon 2015 da laimpertinente

Memoria

Pezzo mancante
Memoria

Noi traduttori abbiamo il pallino, per non dire l’ossessione,  delle parole che devono tenere fede.
Usiamo persino sistemi di traduzione che ci consentono di creare una memoria di tutto quello che è passato sotto le grinfie della nostra tastiera.
In modo da non smarrire niente, di non perdere  “pezzi” per strada, con la convinzione, a volte più o meno illusoria, che quella memoria ti consenta di andare avanti in maniera più spedita, perché racchiude in sé qualcosa di già risolto, già assimilato, che fa parte ormai del tuo bagaglio culturale…

Lo stesso vale, o dovrebbe valere, per la vita.
Puoi anche decidere di farne uso o meno, di fottertene ampiamente, di riscrivere il tuo pezzo in libertà, senza ogni regola, ma la tua personale memoria sarà sempre lì a spuntare, a farti capire chi sei e da dove vieni.
Giorno dopo giorno, incancellabile, come quella foto che mi fissa ogni mattina di te bambino, scalzo, biondo, con in mano una pesca che porgi come un trofeo.

Dimmi come hai scelto di morire…

Dimmi come morirai e ti dirò chi sei
Dimmi come morirai e ti dirò chi sei

… E ti dirò chi sei.

No, non sono impazzita del tutto. Si tratta di scelte, solo di scelte, di scelte umane, troppo umane. Non di quello che ti riserverà Dio o chi ne fa le veci. Quella è un’altra storia…

Non c’è nulla di così inestricabilmente legato alla vita come la morte. E la morte te la vai costruendo piano piano ogni giorno, con le tue azioni, con le decisioni che hai preso e che continuerai a prendere qua, fino all’ultimo respiro (o quasi).

Neanche se avessi dalla parte mia la feroce determinazione dello spietato Francis Underwood di House of Cards, non posso interferire nel tuo percorso, nel tuo karma, non è il mio “film”.

Non me lo consenti oppure non mi è concesso, ad ogni modo non ha importanza.
Non posso tenderti una mano perché per te esiste solo il piano A, mentre le altre lettere dell’alfabeto non ti interessano. Anzi, non sono mai esistite.

Memento mori

Angelo morte
Memento mori

Ieri si è celebrato il giorno dei morti. Non capisco la ragione di dedicare una giornata dell’anno alle persone scomparse, fermo restando che la morte è parte inestricabile della vita.

Ogni volta che guardi il cielo, ogni volta che guardi dentro te stesso, troverai quella metà di te stesso che non c’è più.
Ma trovi anche quell’altra metà, quella che ti spinge ad andare avanti e che ti fa capire che hai una ‘missione’ da compiere, con il tuo privato e con il tuo lavoro.

Un percorso da scalare, perché nulla di quello che vorrai varrà la pena se non c’è di mezzo dedizione e fatica, da parte tua. Non potrai fare niente per interposta persona. Non esistono le procure.
Nulla è facile, a meno che tu non ti chiami Mr. Paraculo ma non mi pare proprio sia il tuo caso. E poi ricordati che la ruota della vita (o delle vite) gira sempre…

Un traguardo da raggiungere ora e qui.
Altrimenti ti toccherà vivere e morire cento, mille volte fino a che non avrai imparato la lezione.